RIFIUTI ZERO

Le buone pratiche per la sostenibilità. Al Liceo Sabin, dopo un periodo di formazione e sensibilizzazione degli studenti riguardo al problema ambientale dei Rifiuti, inizia la raccolta differenziata nelle classi.

 

Il tema del progetto è la riduzione e la raccolta differenziata dei rifiuti in tutte le classi, considerata la via maestra per affrontare il problema del consumo delle risorse naturali del nostro ambiente.

Più che parlare di riciclaggio infatti - un processo utilissimo ma che si porta dietro anch'esso un impatto ambientale – bisognerebbe insegnare a non produrre alcuno scarto.

Attualmente i rifiuti e la loro gestione rappresentano una delle principali emergenze che dovremo affrontare nel prossimo futuro: sono tra le principali cause mondiali di consumo di materie prime e tra le più importanti criticità ambientali a livello urbano per la loro raccolta e smaltimento.

Uno dei cardini dello Sviluppo Sostenibile è, dunque, la sostenibilità ambientale, cioè il dosaggio dei prelievi di risorse naturali e dell’immissione di rifiuti nell’ambiente in modo da permetterne la rigenerazione.

Il concetto che si vuole veicolare ai ragazzi è appunto quello di un approccio organico e efficiente al problema dei rifiuti, costituito dalla gestione integrata, che ha portato, attraverso la combinazione di diverse azioni in stretta successione gerarchica tra loro e il coinvolgimento di tutti i soggetti attori nel ciclo dei rifiuti, al superamento della gestione del rifiuto intesa come mero smaltimento.

Così azioni rivolte alla prevenzione della produzione dei rifiuti, obiettivo primario dell’approccio integrato, sono affiancate da azioni per il miglioramento della qualità dei rifiuti raccolti (mantenendo separati i diversi flussi fin dall'origine) e da una politica di recupero improntata al riutilizzo o al riciclo dei materiali e al recupero energetico di quelli non ulteriormente valorizzabili. Lo smaltimento definitivo in discarica dei rifiuti, comunque sottoposti a un preventivo trattamento, resta il momento finale, volto a massimizzarne il recupero o a ridurne l’impatto sull’ambiente.

L’intervento proposto vuole perseguire quindi non solo generali obiettivi formativi, quali lo sviluppo di una maggiore sensibilità nei confronti delle tematiche ambientali e di comportamenti e azioni conseguenti, ma soprattutto vuole contribuire, in un contesto sociale come quello italiano caratterizzato da forti ritardi nel settore del recupero e del riciclo, a fare acquisire la consapevolezza delle significative potenzialità che esso offre in termini di possibilità occupazionali e di sviluppo sociale in generale.

Presentazione "Raccolta differenziata: perchè, cosa, come e quando", formazione/informazione per l'avvio della raccolta differenziata, a cura delle Prof.sse Follo e Vasile